Classi

Cerchiamo di offrire un’ampia gamma di possibilità di lezione a costi decisamente accessibili.

Durante la quasi totalità delle lezioni saranno presenti due insegnanti in modo che sia sempre possibile seguire con il dovuto riguardo i nuovi iscritti.

Non ci sono differenze tra le varie lezioni, ovvero il corso è unico e l’iscrizione dà libero accesso a tutte le lezioni. Questo è possibile perché il programma (relativamente ridotto) è lo stesso per tutti e quello che cambia è la profondità (vedere la sezione Taiji).

Anche se il Taiji non è un’attività sportiva viene trattata dalle norme vigenti come tale quindi è obbligatorio il certificato medico per attività sportiva non agonistica.

Orari

Orario valido dal 09/09/2019 al 31/06/2020.

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato
19:00 – 20:00 19:00 – 20:30 19:00 – 20:30
(Porta Vittoria)
19:00 – 20:30 10:00 – 13:00
una volta al mese
20:00 – 21:00
20:30 – 22:00
21:00 – 22:00

IMPORTANTE: viene consigliata la frequentazione di almeno 2 classi a settimana.

Le classi si tengono 12 mesi all’anno (eventualmente con orario ridotto a luglio e agosto).

Quote

Il pagamento della quota dà accesso a tutte le classi (compresa quella del sabato).

  • Mensile: 70 euro
  • Trimestrale: 160 euro
  • Quota annuale (obbligatoria): 30 euro comprensivi di:
    • tessera Artepassante (dà accesso alle relative convenzioni)
    • tessera associativa ACSI
    • assicurazione
  • Quota socio annuale (facoltativa): 10 euro, necessaria per chi vuole prendere parte alla vita associativa e partecipare alle assemblee

È possibile pagare con:

  • paypal.me
  • con bonifico su IBAN IT89B0311101665000000005785 UBI Banca
  • in contanti

Dove

Le lezioni vengono tenute presso lo spazio Artepassante situato all’interno della stazione Passante ferroviario di Milano Dateo.

Fa eccezione la lezione del martedì che invece viene tenuta presso lo spazio Artepassante situato all’interno della stazione Passante ferroviario di Milano Porta Vittoria.

Per maggiori dettagli: sede.

Domande e risposte

D. Viene consigliata la frequenza di almeno 2 lezioni a settimana, ma è possibile frequentare anche 1 sola volta?

Sì, non impediamo di frequentare una sola volta a settimana, ma avvisiamo che è troppo poco affinché la pratica possa produrre qualche risultato apprezzabile. In generale non siamo a conoscenza di nessuna disciplina con una qualche profondità per la quale abbia senso praticare una sola volta a settimana.
L’unico motivo valido per farlo è quello di iniziare a conoscere la disciplina e come viene insegnata per valutare se soddisfa le aspettative di quello che si cerca quindi se vale la pena di dedicare più risorse. Ovviamente questo solo per i primi mesi.

D. Ma io il lunedì vado a yoga, il mercoledì ho il corso di teatro, …

Consigliamo di non aggiungere altre attività, ma piuttosto di intensificare quella che già si pratica: sicuramente darà più benefici piuttosto che una lezione a settimana di Taiji.
A chi non segue nessuna pratica consigliamo di trovarne una per cui valga la pena di dedicare almeno 2 lezioni a settimana.

D. Si deve praticare anche a casa da soli? Per quanto tempo?

Il primo fattore di crescita è la qualità (intensità) con cui si pratica, ma ovviamente maggiore è il tempo di pratica e più veloci saranno i risultati. Non vengono dati “compiti a casa” e il tempo di pratica (anche in autonomia) aumenterà in modo naturale: a mano a mano che si progredisce (e si va più in profondità) aumenterà il bisogno di approfondire ancora di più. All’inizio ci sarebbe sembrato assurdo (e impossibile) dedicare al Taiji tutto il tempo che dedichiamo ora mentre adesso è del tutto naturale. Comunque è tutto molto personale e soggettivo: ognuno deve seguire il proprio percorso e deve essere libero di farlo.

D. È possibile avere lezioni individuali?

No, non vengono date lezioni individuali; le migliori condizioni di crescita si trovano all’interno delle classi collettive.

D. Vengono date correzioni individuali?

Certamente sì, ma è ancora più importante che l’allievo riesca a correggersi da solo seguendo le indicazioni che vengono date. Il ruolo dell’insegnante è quello di direzionare la pratica e dare all’allievo gli strumenti per superare i propri limiti.

D. Chi è l’insegnate?

L’insegnate è semplicemente un allievo con più esperienza che a sua volta continua ad imparare da altri allievi con ancora più esperienza.

D. Chi è un “buon allievo”?

Un “buon allievo” è colui che non dà mai per scontato nulla e che ad ogni movimento cerca di fare qualcosa di meglio (più raffinato). All’insegnate non interessa il livello di un allievo, ma solo che continui a trasformarsi.

D. È necessario qualche tipo di abbigliamento particolare o una divisa?

No, basta un abbigliamento comodo che permetta di muoversi liberamente, nessun tipo di divisa o di abito “orientale”. Spesso va bene anche l’abbigliamento con cui si esce da lavoro.

D. Sono necessarie particolari calzature?

No, nessun tipo di calzatura o “scarpa da Taiji”. Basta che sia comoda, meglio se permette di sentire nel miglior dei modi la pressione del piede sul terreno. La maggior parte dei praticanti utilizza calzature leggere che si trovano a 10 euro in tutti i negozi sportivi, ma all’inizio vanno bene anche normali scarpe da ginnastica.

D. È possibile fare una lezione di prova?

Certamente, è possibile fare una lezione di prova o anche semplicemente assistere e osservare.

D. Quando è possibile iniziare il corso?

È possibile iniziare il corso in ogni momento.

D. Praticate la meditazione?

Ogni lezione viene chiusa dalla meditazione, principalmente gli 8 sentieri della tradizione daoista, ma non solo.

Calendario