PK – intervista a Patrick Kelly

PK – intervista a Patrick Kelly

prima parte

prima parte

M. Ciao, benvenuti a “in risposta: interviste con intriganti ‘internalizzatori'”. Mi chiamo Mia Park e ho l’onore di presentare il mio insegnante di Taiji: Patrick Kelly. È il mio insegnante di Taiji ed è da molto tempo insegnante di Taiji e insegnante spirituale. Patrick è nato e cresciuto in Nuova Zelanda, ma ha studiato in tutto il mondo e ha studenti a livello internazionale. Quindi io vivo a Chicago, Illinois, e studio con gli studenti di Patrick lì. Tuttavia ho anche viaggiato in Cina e in Europa per studiare con Patrick perché lì ha scuole e studenti. Patrick ha pubblicato un paio di libri che consiglio vivamente. Uno si chiama “Dao Infinito” perché questo dà molte informazioni sul viaggio personale di Patrick alla ricerca di insegnanti e insegnamenti davvero solidi e validi. Quindi se volete saperne di più su Patrick, la persona nel suo viaggio, vi consiglio quel libro. Ma qui sei dal vivo di persona, ciao

P. Ciao

M. Quindi c’è qualcos’altro che vorresti che la gente sapesse di te?

P. No, hai riassunto abbastanza bene.

M. Ok, bene

P. Non c’è molto da sapere, penso che le domande riveleranno di più, chiedi pure.

M. Fantastico, puoi aiutarci a capire cosa è per te il mondo esterno, cosa sembra per te?

P. Il mondo esterno… penso all’intera Terra come una cosa sola e cerco di muovermi liberamente sulla Terra. Ecco perché ho studenti ovunque, studenti in America, studenti … Viaggio ovunque posso e penso alla Terra come ad un unico posto e cerco di non farmi prendere dai confini dei paesi e dei governi che insistono sul fatto che hanno paesi individuali e così via. Non credo particolarmente nel nazionalismo. Sai che dovresti essere orgoglioso del tuo paese o qualcosa del genere. Penso dovremmo essere orgogliosi dell’intera Terra e penso che sia bello quando le persone possono muoversi liberamente su tutta la Terra. È così che dovrebbe essere davvero. È un solo posto, questo è il mio mondo esterno.

M. Consideri la Terra un organismo vivente?

P. In un certo senso sì. Penso che ci sia un essere intelligente che gestisce la Terra. Ma se pensi allo terra è come pensare al tuo dito come a un essere intelligente, non è così è solo una parte del tuo corpo. Così la Terra come la vediamo fa parte del corpo di un essere intelligente.

M. Fantastico! Puoi condividere con noi qual è la tua risposta interna o come ti impegni internamente con quel mondo esterno che hai appena condiviso con noi.

P. Impegnarsi internamente con il mondo esterno… penso che il mondo esterno e i mondi interni esistano simultaneamente in tutti i luoghi. Quindi mentre vado in giro… mentre mi muovo liberamente attraverso il mondo esterno, o cerco di muovermi liberamente attraverso il mondo esterno, allora cerco di prendermi cura di qualunque responsabilità interiore sorga in quel particolare posto in cui mi trovo e questo determinerà anche dove vado in ogni particolare posto. Ci sono alcune cose semplici come la famiglia, e ora ho quattro figli, a volte devono esserci spazio per questi quattro figli. I miei genitori sono morti, ma c’è stato un tempo in cui avevo bisogno di prendermi cura di loro. E poi ci sono gli studenti che ho e ovunque gli studenti si riuniscono poi sento la responsabilità di trasferirmi in quel posto per un po’ di tempo e fare quello che posso. Così in questa fase, negli ultimi 20 anni, potremmo dire che mi muovo nel mondo esterno in risposta al mio mondo interno. Non mi muovo solo nel mondo esterno a causa del mondo esterno, quando mi muovo nel mondo esterno lo faccio per prendermi cura delle cose del mondo interno.

M. Suona come un ottimo consiglio, per qualcuno.

P. È per questo che non mi piacciono le restrizioni sul mondo esterno perché altrimenti limita la risposta a ciò che è necessario dall’interno.

M. Poiché siamo in agosto 2020 e abbiamo a che fare con una pandemia di salute globale nel mondo esterno e la pandemia per la giustizia razziale in questo momento, che tipo di risposta interna hai a quei grandi eventi globali che le persone stanno attraversando?

P. Personalmente penso che l’attuale evento principale sia solo un altro esempio dello squilibrio del mondo esterno. Penso sia solo una cosa temporanea e non eccessivamente importante, quindi non reagisco in modo eccessivo, cerco di continuare a muovermi liberamente nel mondo esterno per continuare a prendermi cura delle cose del mondo interiore. Quindi ignoro il più possibile le reazioni eccessive delle persone non sviluppate alle difficoltà esterne percepite.

M. Vedo come qualcuno potrebbe pensare che sia un’affermazione forte o potrebbe giudicarti per questo perché c’è così tanta paura della pandemia là fuori. Hai una risposta per persone che potrebbero giudicarti in questo modo?

P. Non ho paura, mi aspetto che se vivi come faccio io ti aspetti di essere giudicato da persone che vivono in modo diverso. Se le persone vivono la loro vita in risposta al mondo esterno poi non possono sempre capire, apprezzare, quindi di conseguenza possono attaccare o condannare qualcuno che vive in un altro modo.

Penso sia solo una parte dell’essere nel mondo. Tenta di prendere le tue cure e le tue responsabilità dal mondo interno piuttosto che dal mondo esterno. Quindi le persone perse nel mondo esterno non ti aspetteresti che lo facciano, è giusto, non capiscono, si arrabbiano, tentano di spingerti nel loro modo di pensare. Cerco solo di sfuggirgli il più dolcemente possibile.

M. Penso che sia molto incoraggiante sentirlo. Apprezzo davvero come spieghi semplicemente cosa fai. Ho sentito che sei sfuggito, mi sembra tu abbia detto “il più gentilmente possibile”?

P. Giusto

M. Lo apprezzo molto perché penso che ci sia così tanta azione basata su forti sentimenti emotivi che le persone hanno. Quindi penso che tu risponda in quel modo alle persone che potrebbero giudicarti è un segno meraviglioso, un risultato della pratica. E penserei che le persone che guardano o semplicemente da sole penso che le persone desiderino essere in grado di rispondere in questo modo per sfuggire alla pressione con la massima gentilezza possibile nelle loro vite individuali. Quindi puoi forse consigliare o suggerire di dire ai profani come potrebbero diventare quel tipo di persona o avere la forza d’animo di rispondere in quel modo alla vita?

P. Certamente. In un certo senso, poiché abbiamo preso il Taiji come una delle pratiche centrali delle nostre pratiche interne centrali… ovviamente questa è la specialità del Taiji: di cedere e neutralizzare, non andare davvero contro, non respingere, permettere una certa pressione dalle persone… cedere un po’, neutralizzare un po’ e andare avanti con la tua vita. Invece se respingi poi rimani bloccato con la reazione e poi vieni coinvolto nella cosa. Questo da un punto di vista del Taiji, praticamente ciò che richiede è: nel tuo sé più profondo hai una certa forza e se hai quella forza allora il sé esteriore non ha bisogno di essere così duro e inflessibile perché posso flettere all’esterno e l’interno rimane resilientemente forte, non c’è minaccia. Quindi quando cedo un po’ a qualunque cosa le persone spingono dall’esterno non sento alcuna minaccia interna. Se non hai quella forza interiore allora respingi e cerchi di mantenere la tua posizione e difenderla perché questa è debolezza dentro. Se non ti schiacci un’altra vita ti schiaccerà se non mantieni la tua posizione a meno che tu non abbia qualcosa dentro di te che non può essere schiacciato come una forte resilienza e puoi lasciare che l’esterno prema su di te e ti riprenderai di nuovo. Questo è un modo di vederlo.

M. Fantastico!

seconda parte

seconda parte

M. Per le persone che non conoscono il Taiji iniziamo dalle basi: cosa è per te il Taiji?

P. Taiji è un concetto molto grande. Risale alla filosofia cinese. Il concetto di Taiji era il concetto più elevato risalente ai tempi dell’ultima ondata di insegnamenti interni cinesi dell’Imperatore Giallo. Potremmo dire sette o ottomila anni fa. Il Taiji era davvero il concetto più elevato in quella fase. Il Dao, il significato del Dao non esisteva nemmeno, la parola “Dao” non era usata a quei tempi quindi la parola “Taiji” significava davvero la cosa più elevata che si possa concepire. Questa è la base e naturalmente il diagramma del Taiji come la gente lo conosce risale anch’esso alla stessa epoca. Il Taiji è davvero una descrizione dell’intero universo che è una cosa molto grande. L’arte del Taiji non sappiamo quanto tempo fa sia stata definita, tra 750 e 150 anni fa, nessuno sa esattamente quando. Ci sono registrazioni di ciò che sono state date a Yang Luchan (sono nel palazzo dell’imperatore) forse 150 anni fa 130 anni fa. Questa è un po’ di storia.

Solo per considerarlo da un altro punto di vista il Taiji come la gente lo conosce è davvero una parte del sistema per lo sviluppo interno. Proprio come lo Yoga è una parte del sistema per lo sviluppo interno. Ecco perché è stato creato, è uscito dai templi daoisti e non è stato creato solo come arte marziale. Non è stato creato come arte marziale e poi le persone hanno cercato di usarlo per lo sviluppo interno. Non più di quanto lo Yoga sia stato creato per rendere il corpo più bello e poi le persone hanno cercato di usarlo per lo sviluppo interno, è esattamente la stesso cosa. Non c’è dubbio che lo Yoga proviene da un luogo molto elevato ed era inteso per uno sviluppo interno. Ed è così che lo Yoga inizia con il corpo, poi lo Yoga che va all’energia del corpo, poi le emozioni più profonde, poi il mentale profondo e così via e poi oltre. Questo è il chiaro percorso dello Yoga, nessuno dice che lo Yoga sia iniziato per la salute e bellezza e poi hanno cercato di farne un percorso spirituale. Alcune persone dicono questo del Taiji, ma non è vero, è iniziato allo stesso modo dello Yoga. Questo vuol dire che era una parte dello sviluppo interno dei daoisti.

Quindi, proprio come la maggior parte delle persone che ora prendono lo Yoga come qualcosa per il corpo, un po’ della mente, hanno davvero perso qualcosa della vera connessione. Lo stesso con il Taiji, molte persone l’hanno preso solo un po’ per salute o un po’ per l’autodifesa, ma non era la sua intenzione originale.

M. Cosa rende il sistema che insegni diverso dagli altri sistemi di Taiji che hai appena spiegato che hanno deviato dal percorso?

P. La grande differenza ovviamente sta nel motivo per il quale lo facciamo. Ho iniziato il Taiji cercando un percorso di sviluppo interno. È così che ho iniziato e così ho incontrato gli insegnanti per i quali ciò era vero. Se inizi come un’arte marziale incontrerai persone di arte marziale e persone che hanno preso solo un piccolo elemento di Taiji. Se lo inizi per la tua salute incontrerai insegnanti che l’hanno fatto solo per la loro salute e l’hanno preso in quel modo molto piccolo proprio come per lo Yoga. E così ho cercato insegnanti che.. ho davvero cercato insegnanti che conoscessero qualcosa sulla vera formazione interna. Diciamo solo persone che avevano imparato per molto tempo dai loro insegnanti che a loro volta avevano imparato da lungo tempo indietro in una catena di conoscenze che scendevano dall’alto. E non ero alla ricerca solo di qualcosa nella media come nei centri delle comunità locali che danno lezioni di Yoga, lezione di Taiji che non mi interessava affatto. Ho cercato le persone che erano completamente coinvolte da molto tempo con buoni insegnanti su un buon percorso ed è capitato che alcuni dei primi insegnanti che ho incontrato usassero il Taiji come – potremmo dire – introduzione fisica al percorso.

M. Hai parlato di qualcosa dall’alto e poi penso all’individuo. Pensi che ci sia una ragione più profonda per cui ogni individuo potrebbe desiderare o dovrebbe sviluppare il proprio io interiore o è semplicemente così che ogni persona possa sentirsi meglio ed “essere felice” o “in pace”?

P. Non c’è il minimo dubbio nella mia mente che le persone vengano sulla Terra con uno scopo e questo è per la loro evoluzione spirituale, per la loro crescita interna.

Questo è lo scopo delle persone che vengono qui, ma dimenticano rapidamente perché la coscienza del corpo e del cervello è così forte che si perdono nel mondo esterno sin dalle primissime fasi. Parte di questo problema è che tutte le impressioni provenienti dai genitori, dalle scuole, dalla televisione, dalle notizie, dalle cose che vedono arrivano da un livello molto molto basso, un livello molto orientato al fisico e non ci sono molte impressioni elevate che ricevono. Così rapidamente la loro conoscenza interiore del motivo per cui sono qui – perché ogni persona arriva con quella conoscenza interiore – è sepolta sotto le impressioni grossolane che provengono dalla vita normale. Ciò che le persone pensano della loro “cultura altamente raffinata” sono in realtà impressioni davvero grossolane da un punto di vista spirituale profondo e seppelliscono la conoscenza nelle persone molto presto e poi si perdono nella vita e dimenticano il motivo per cui sono qui. Ma non c’è alcun dubbio che lo scopo per cui tutti vengono sulla Terra è la loro evoluzione interna.

M. Perché alcune persone non scelgono di evolversi internamente e perché è così difficile farlo?

P. “Perché le persone non lo scelgono?” È una domanda molto difficile a cui rispondere perché ci sono così tante situazioni diverse per le persone che vengono. Penso che le persone … un individuo non sfugge alle condizioni create dall’intera umanità. Quindi non veniamo liberi da tutti gli effetti degli altri umani e se la massa degli umani è molto centrata sul corpo, centrata sul fisico o centrata sul cervello come parte del corpo, l’individuo entra in quella situazione ed è rapidamente sommerso da questi altri miliardi di persone che sono centrate sul corpo e cervello. Questa è una delle cose a cui non puoi, è difficile per gli individui sfuggire. Potresti dire il karma di gruppo dell’intera razza umana. Quindi, sebbene l’intera razza umana venga lentamente sollevata, è processo molto molto lento. E un individuo che cerchi di accelerare se stesso e di evolversi in questa vita, deve andare contro la massa di persone poco sviluppate che non stanno facendo quel tentativo e che si stanno solo evolvendo lentamente e inconsciamente. In un certo senso devi liberarti dal gruppo, la condizione energetica del gruppo [non comprensibile].

terza parte

terza parte

M. Sento che ci sono parole che possono descrivere ciò di cui stai parlando che hanno significati leggermente diversi – che sono molto popolari in altri paradigmi – parole come “fede”, “amore”, “guarigione”. Ascolto tali parole che descrivono lo sviluppo personale e mi chiedo perché queste parole non vengono utilizzate nel nostro sistema Taiji?

P. Voglio dire che c’è un tutto nei loro mondi interni che esiste simultaneamente con i mondi esterni e quando la coscienza cerebrale tenta di descrivere o attribuire a questi mondi interni certe parole, certe idee certe, condizioni non sono la verità esatta. Queste parole non sono la verità esatta, è la coscienza cerebrale delle persone che tentano di descriverla da un punto di vista esterno. Così la fede si manifesta quando tu e la tua coscienza cerebrale in qualche modo credete che c’è qualcosa al di là di quel qualcosa che ti sta aiutando e così via. Questo è il guardarlo dall’esterno. Questa è davvero l’evoluzione inconscia dell’umanità di cui fa parte.

Perché l’umanità cosciente è… devi penetrare con la tua mente nei livelli interiori, quindi non hai fede su cosa c’è, sai cosa c’è Là. La fede è una credenza dall’esterno verso l’interno e che può aiutare le persone, ma è la parte dell’evoluzione inconscia non l’evoluzione cosciente diretta e questa è necessaria affinché gli individui si elevino rapidamente. L'”amore” è qualcosa di simile, è un tipo di cosa simile che sta cercando di definire o fare qualcosa con la mente esteriore che si presume sia come la condizione che effettivamente esiste a livello interiore. Se tu dovessi portarti nei livelli interni in un modo o nell’altro, l’interconnessione delle persone, ad esempio, l’interconnessione delle persone o di alcuni gruppi di persone, diventerebbe molto chiara e proprio come una madre ha amore istintivo per i propri figli. Una volta che hai sentito questa interconnessione ci potrebbe essere una cosa simile e naturale a quel livello.

Non è qualcosa a cui pensi dall’esterno e cerchi di creare amore o immaginare su qualcosa. È qualcosa che sarebbe istintivamente ovvio e sentito se tu fossi a quel livello.

Sto solo cercando di descrivere la differenza tra attribuire qualità dall’esterno e tentare di duplicarle per avere fede, per avere amore, per guarire e così via invece di portarti ai livelli interni o tentare di farlo portando la tua mente a quel livello e iniziare a lavorare veramente su quei livelli dove potremmo dire che la guarigione avviene, dove l’amore appare, dove non c’è esattamente fede perché è assolutamente chiaro che queste cose esistono, cose in cui qualcuno dall’esterno potrebbe averne fede.

M. Ok, quadro generale. Perché le persone sono nate per lavorare sul loro sviluppo spirituale? Di cosa si tratta?

P. Quando l’immagine diventa troppo grande è troppo grande affinché una mente umana possa apprezzarla. Ci sono immagini più grandi di quello che la mente umana può gestire quindi dobbiamo ridurla a un’immagine che possiamo intendere. Voglio dire la mia mente umana qui mentre sei in un corpo. Non sappiamo, nessuno conosce lo scopo ultimo della vita, nemmeno i buoni insegnanti che hanno vissuto per 100 anni o più che io conosco e alcuni degli insegnanti hanno vissuto 400 anni non conoscono lo scopo finale. Sanno oltre quello che so io e alcuni di loro che ho conosciuto negli ultimi 30 40 anni dopo 30, 40 anni sapevano più di quando li avevo incontrati per la prima volta, ma non possiamo essere sicuri dello scopo ultimo della vita.

Possiamo solo sapere, e quello che è certo è che gli esseri vengono sulla Terra e questa è la condizione che ci è stata data e queste sono le condizioni che accettiamo. Quando scendi sulla Terra, come uno dei miei insegnanti ha detto, il velo è tirato sui tuoi occhi e questa è una condizione della vita.

Accettando, dimentichiamo le nostre vite passate, dimentichiamo qual è la verità a livello interiore e questo ci colloca. Ecco perché, dal mio punto di vista, questo ci pone in una tremenda lotta con le forze della vita esteriore, con il corpo in noi stessi. Il corpo e la coscienza cerebrale che la gente pensa sia tutto è solo niente, in noi stessi tutte le forze della vita esteriore queste grandi forze che conosci: il governo, il sistema legale, il sistema medico, il sistema finanziario, tutte queste grandi cose che spingono il tutto, spingono tutti attorno. Per sviluppare te stesso si crea una grandissima lotta tra questa piccola cosa dentro di te, piccola cosa reale e questa grande cosa meno reale. E così quell’intensa lotta per sopravvivere e crescere produce… l’intensità dello sforzo produce uno sviluppo accelerato. Una volta usciti da un corpo e tornati dove si possono vedere le condizioni esterne ed i veli sono tirati da parte fino a un punto l’intensità della sforzo cala subito e la crescita risultante è molto piccola e lenta in comparazione. Questo è un luogo in cui le persone possono accelerare la loro crescita ecco perché siamo… ecco perché queste condizioni difficili sono qui.

M. Per incoraggiarci a…

P. È un luogo di lotta

M. E abbiamo bisogno di quella lotta per svilupparsi

P. Una lotta più grande causa una crescita sempre più grande, è vero. Voglio dire che tutti sanno che metti un bambino in una condizione molto facile in cui non deve lottare affatto, ha un sacco di soldi, non deve lavorare, non deve fare nulla e vedi cosa succede quando diventa adolescente e cresce fino a diventare adulto. Metti un altro bambino nelle condizioni in cui ha a malapena abbastanza cibo, deve lottare, vuol essere istruito e deve camminare 30 chilometri per andare a scuola o qualcosa del genere, quel bambino cresce in un modo completamente diverso.

quarta parte

quarta parte

M. Pensi che ci sia bene e male, o meglio e peggio, giusto e sbagliato?

P. 100% sì

M. Cos’è il male allora? va bene, cos’è il male?

P. Sai, c’è un concetto sbagliato che se ti stai sviluppando spiritualmente assumi una sorta di equanimità in cui tutto ciò che vedi è uguale e… È una cosa assolutamente falsa. C’è qualcosa dall’esterno come la coscienza cerebrale proietta questa idea che immagina che sia così. In un certo senso è quasi l’opposto.

Quindi cos’è il male? In realtà è molto facile dirlo: in noi c’è una parte molto elevata di noi, il nostro Spirito, puoi chiamarlo “il Sé più elevato” (qualunque cosa tu voglia dire), “l’occhio reale”, qualsiasi di queste cose va bene. Ha solo una connessione molto delicata con un centro, è un’influenza piuttosto piccola. Ma tutti possono accedervi in ​​una certa misura e non sarà in grado di gestire tutta la tua vita perché l’esterno è troppo forte. Quindi qualunque cosa sia in armonia con quella cosa molto delicata, molto alta dentro di te, qualunque cosa sia in armonia con essa e la aiuti a stabilirsi e crescere è bene e tutto ciò che non è in armonia con esso e ne blocca la crescita è male.

M. Un individuo può essere malvagio o ciò che lo blocca è malvagio?

P. Un individuo è cattivo? Ogni persona – per quanto ne so – ogni persona ha dentro di sé questa cosa molto molto alta, molto pura dentro se stessa. Se prendi questa come la persona, nessuna persona è cattiva. Ma poi hanno strati su quello e potrebbero esserci alcuni di questi strati che potrebbero bloccare e andare contro quella cosa molto alta in se stessi. Alcuni degli strati intermedi – prendiamo il corpo e il cervello come gli strati più esterni – e il corpo e il cervello potrebbero funzionare facendo esattamente l’opposto di ciò che questo cerotto [patch] interno ha bisogno – potremmo dire – forse completamente fuori armonia e se va troppo fuori armonia – uccidendo, violentando e qualunque cosa – allora è ovvio che possiamo chiamarlo cattivo.

M. Penso che alla fine le persone vogliano che ci sia pace, amore, felicità e armonia, ma gli individui e la collettività prendono così tante decisioni che vanno in quella direzione opposta quindi abbiamo un sistema penale per punire le persone malvagie o le persone cattive per cercare di ricostruire per riabilitarli e non vedo davvero funzionare questi sistemi superficiali.

P. Non c’è punizione dall’interno – per come la vedo io. La punizione è come una cosa esterna che le persone hanno posto dove il sistema legale punisce le persone. Le persone punite non vengono punite infatti ricevono… quando vai contro la tua parte interna… non c’è una vera punizione per questo, questo è il risultato. Ci sarà un risultato che avrai bisogno e dovrai affrontare, questo è tutto.

M. Lo apprezzo perché questo mi fa pensare alla società che cerca di creare la pace implicando costumi e valori su un gruppo con cui il gruppo potrebbe non essere d’accordo.

P. Giusto. Diciamo che la moralità esterna non ha alcun significato da un punto di vista interno.

M. Patrick, hai ancora la stessa intenzione dietro l’insegnamento che avevi quando hai iniziato?

P. Direi di sì, è solo più raffinata ovviamente. La mia comprensione di ciò che sto facendo è più raffinata, ma la base dell’intenzione è la stessa. Ho iniziato ad insegnare perché… non perché volevo essere un insegnante. Non volevo davvero insegnare, volevo solo imparare, ma mi sono trovato nella situazione in cui le persone volevano che insegnassi perché avevo imparato qualcosa. Potremmo dire che ho provato ad evitarlo all’inizio. Quindi le persone del Taiji poiché avevo imparato bene da un bravo insegnante allora le persone volevano che insegnassi loro, ma in realtà io volevo solo continuare ad imparare. Così ho iniziato a insegnare.

Non ho mai insegnato… non ho mai insegnato per vivere – mi rifiuto di farlo – e non ho mai veramente insegnato a tempo pieno. Ci sono stati periodi in cui ho insegnato ogni giorno, ma una lezione al giorno o qualcosa del genere, non ho mai fatto cinque lezioni al giorno o qualcosa di così sciocco. Per la maggior parte della mia vita – gli ultimi 20 anni ad esempio, 25 anni, forse 30 – insegno solo seminari e forse ne insegno uno ogni pochi mesi e nel frattempo di solito non insegno. Quindi la maggior parte del tempo non sono un insegnante, sono uno studente e penso che sia così che dovrebbe essere: che il tuo apprendimento sia la base del tuo insegnamento e nel tuo processo di apprendimento… Più lavoro e tempo dovrebbero andare al tuo l’apprendimento piuttosto che al tuo insegnamento altrimenti si perde l’equilibrio. Prima le persone volevano che insegnassi e mi chiedevano di insegnare perché vedevano che sapevo qualcosa, poi i miei insegnanti mi hanno chiesto di insegnare e poi più tardi dall’interno mi è stato chiesto di insegnare quindi questa sarebbe l’evoluzione ecco perché insegno, non perché voglio essere un insegnante.

M. Questo è un ottimo consiglio per assicurarti di imparare più di quanto …

P. Esatto.

M. Come saprai di essere stato un insegnante di successo quando arriverà il momento di smettere di insegnare?

P. Non potrei saperlo prima perché stai guardando… [ndt: non sono sicuro della prima frase, non si sente bene] il mio obiettivo è sempre stato… la mia idea era che se avessi potuto produrre 100 persone competenti e poi ognuna di queste avesse potuto produrre 100 persone competenti sarebbero 10.000. E ognuna di queste produce 100, in pratica tre generazioni e siamo arrivati ad un numero piuttosto elevato di circa un milione di persone. E un milione di persone competenti avrebbe un effetto enorme sul mondo.

Ora è ovviamente un po’ irrealistico, ma è così che la penso. Senza essere troppo ottimista perché penso che se passo tutta la mia vita e produco 10, 100 persone competenti non è come se stessi cercando di insegnare a decine di migliaia o qualcosa del genere come fanno alcune persone. Quindi per lo più limito il mio gruppo principale a 100 e questo è ciò che vedete, il seminario è limitato a 100, ma quel 100 è tratto da poche centinaia perché alcuni di loro vanno, vengono. Quindi devo avere qualche centinaio in background così posso trarre un centinaio. Saprò se è un successo se produco 100 persone competenti che ora stanno trasmettendo qualcosa di vero in un mondo in cui ci sono così tante pratiche spirituali che in realtà escono dai cervelli brillanti delle persone e non arrivano davvero dall’alto.

M. Hai dei rimpianti come insegnante?

P. Non ho alcun rimpianto significativo, no, sto solo cercando di pensare… non viene nulla in mente

M. Fantastico!

P. Posso dire che in ogni fase guardo quello che sto facendo e sembra sempre non così ben fatto come vorrei, non tanta energia come vorrei metterci dentro, non così vicino a cosa sento che forse è la cosa ideale possibile, quindi ad ogni passo vedo… non del tutto perfetto in una certa misura e così, ma non è davvero un rimpianto. È perché lo accetto, perché non puoi fare passi perfetti.

quinta parte

quinta parte

M. Qual è il tuo principale desiderio per i tuoi studenti?

P. Penso che potremmo dire che il mio desiderio principale per i miei studenti, ovviamente, è quello di crescere internamente. Credo che ogni persona che viene sulla Terra – non importa da dove inizi, non importa da che livello inizi – possa tirare su se stesso fino al livello dove non si ha più bisogno di tornare sulla Terra per continuare il proprio sviluppo. Quello che alcune persone pensano è che un certo grado di illuminazione – che alcune persone pensano come un grande passo finale – ma in realtà è solo lo stadio in cui puoi continuare a crescere senza bisogno di tornare in un corpo. Una volta che sei a un livello leggermente più alto diventa abbastanza forte è come un bambino piccolo e diventa… può crescere nei mondi interni senza richiedere un corpo mentre quando è molto piccolo richiederà di tornare nel corpo. Il mio semplice scopo è portare il maggior numero possibile dei miei studenti a quel livello.

M. 100 persone competenti

P. Esatto.

M. Come vedi il tuo futuro nell’insegnamento?

P. Quello che ho fatto durante i miei 45 anni di insegnamento è che il mio livello è cresciuto in modo abbastanza naturale da poter enfatizzare gli aspetti sempre più interni dell’insegnamento. Potevo solo insegnare il livello a cui ero, 45 anni fa sai che ho iniziato, 47… quasi 49 anni fa ho iniziato, suppongo… delle cose interne. Puoi insegnare solo il livello in cui ti trovi anche se puoi introdurre i concetti di un livello un po’ al di là di quello che sai ma non puoi davvero esprimerlo.

Man mano che il mio livello aumentava, sono stato in grado di spostare l’enfasi dell’addestramento più in profondità nel sistema – potremmo dire – per riflettere la mia comprensione. E la speranza era ovviamente che gli studenti, alcuni degli studenti, si fossero allenati 30, 35 anni e che anche il loro livello si fosse alzato abbastanza da poter anche spostare la loro formazione di conseguenza e le nuove persone in arrivo di solito si sarebbero adattate ad esso. Così come il mio l’insegnamento stava diventando più interno attirava nuove persone che erano più adatte a questo perché all’inizio attiravo nuove persone più adatte al livello che stavo allenando. Tutto si prende cura di se stesso in questo modo.

M. Quasi come un autoselezione

P. Esattamente, sì. Perché non faccio pubblicità e non cerco di ottenere studenti in quel modo. Mi affido al fatto che le persone sentano scoprire qualcosa in ciò che insegno e provino qualche affinità o connessione con esso e vengano per quel motivo e in questo modo si ottengono gli studenti che sono adatti per il tempo. Mentre se fai pubblicità selvaggia e fai un sacco di false affermazioni o affermazioni esagerate, porteresti un grande miscuglio di persone, ma la maggior parte di loro non si adatterebbe davvero, non pensato per essere lì e se ne andrebbe dopo un po’.

Sai che la guida di una persona può… se la guida sa cosa è disponibile e quando la persona ne ha bisogno, la porterà all’insegnamento di cui ha bisogno. Quindi preferirei piuttosto avere queste persone fluire in un numero non troppo grande piuttosto che persone casuali a cui capita che gli piacciono le idee o le immagini o vogliono ottenere il potere che pensano sia disponibile e così via.

M. Patrick dici che ogni individuo ha una guida, puoi spiegare di più a riguardo a persone che non ne sono consapevoli?

P. Sono sicuro… questo è il sistema in cui veniamo, ogni spirito o anima o come vuoi chiamarlo… ogni individuo che entra in un corpo per non essere completamente schiacciato e perso dal mondo esterno e dalla natura grezza di tutte le forze esterne e sono accompagnati da qualche individuo che si è già elevato a un certo livello che lo pone proprio al livello in cui non è necessario tornare in un corpo. Quella persona entra con loro e noi la chiamiamo la guida interiore.

Questo non ha niente a che fare con gli spiriti guida degli sciamani, le guide animali e così via. È più simile al tuo angelo custode, ma non sono gli angeli delle “persone angeliche” che pensano di avere questo angelo che viene e così via. È davvero solo qualcuno che si è elevato al livello della terza iniziazione, che è centrato sul livello celeste o mentale profondo, che non ha bisogno di tornare nel corpo, ma certamente non ha completato il proprio sviluppo e accompagna una persona dentro e mantengono la connessione. Servono sia come guida che come guardia.

M. Hai detto “guardia”?

P. Una guardia si, vigilano sulla persona. Perché altrimenti la persona può perdersi in un ambiente molto complesso, nei complessi livelli inferiori del mondo. La guida mantiene la connessione tra le parti alte della persona di cui abbiamo parlato – il vero sé – e il sé esterno che ora si sta esprimendo nel mondo altrimenti questa connessione è troppo tenue e sarà schiacciata e bloccata dalla ruvidità del mondo esterno e la persona può perdersi un po’ come un’anima perduta. La guida mantiene quella connessione e protegge anche la persona dalle forze su ciascuno dei livelli che non aiutano direttamente la persona a evolversi.

M. Se una persona ha preso decisioni nella sua vita di danneggiare altre persone o di compiere atti molto eclatanti, la sua guida può trattenerla nel tentativo di proteggerla?

P. Le guide sono sempre lì e… ogni volta che scegli di fare qualcosa, fai uno sforzo la guida può guidare quello sforzo, ma non può semplicemente farti le cose, quindi devi fare qualcosa in modo che sia come in una situazione passiva in cui se scegli di andare da qualche parte può forse guidarti a trovare qualcosa di un po’ meglio in quel posto. Ma non può, non ti costringerà ad andare in un altro posto o qualcosa del genere perché questo sarebbe una imposizione sul libero arbitrio della persona. Quindi hanno un’influenza gentile sulle persone e fondamentalmente stanno cercando di influenzare le persone verso le cose che causeranno la crescita interiore e rafforzeranno la connessione con il tuo sé profondo.

M. Penso che il sistema sia costruito in modo fantastico in cui tutti hanno così tanto supporto a loro disposizione. Spero solo che le persone possano connettersi con se stesse e con la loro guida perché sembra che abbiamo così tante opportunità per lo sviluppo personale. Le possibilità sono tutte intorno a noi e siamo così supportati.

Voglio dire che sei stato così gentile da farti diversi siti web pieni di informazioni utili, stai facendo questa intervista, tieni questi seminari, hai molti insegnanti che stanno insegnando. Quindi mi sento di ringraziarti per aver impostato il sistema e che è così disponibile per così tante persone e per aver tradotto questi come super… concetti esoterici, interessanti e profondi e li rendi così facilmente riconoscibili che possiamo guardarlo in un video e collegarci a ciò che stai dicendo. Quindi grazie.

P. Prego.

sesta parte

sesta parte

M. Per il “laico” che non ha una pratica spirituale e vuole iniziare l’autosviluppo come consiglieresti di iniziare?

P. Consiglierei loro di fare qualche ricerca, di non limitarsi a cercare ciecamente una persona del posto che afferma di essere una sorta di insegnante. Ai miei tempi quando ho iniziato non c’era internet, non esisteva, ma c’erano le biblioteche. Quindi sono andato nelle biblioteche e ho cercato buoni libri su queste cose e ho letto tutto quello che potevo. Quindi avevo una sorta di conoscenza e poi ho capito che dovevo trovare un insegnante che sapesse davvero qualcosa. Non solo gli insegnanti che affermavano di sapere qualcosa e gli insegnanti che ne sanno poco, ma l’insegnante che sapeva davvero qualcosa del sistema interno. Non mi importava se fosse un buddista zen o un sufi o un taoista o niente o una religione o non una religione che non mi interessasse affatto. Sapevo solo che dovevo trovare qualcuno che avesse una genuina conoscenza interiore delle cose e non solo la conoscenza esteriore che così spesso si ottiene.

Ovviamente la maggior parte dei libri che trovi sono solo di persone con conoscenza esterna, non hanno veramente la profondità di un lungo addestramento con buoni insegnanti in una buona tradizione e che hanno davvero trovato qualcosa. La massa di libri, devi orientarti tra loro per trovare i pochi che hanno davvero qualcosa.

Poi sono andato alla ricerca di un insegnante ed è quello che ti consiglio: prima indaga sull’argomento e se c’è qualche insegnante che arriva nella tua portata indaga l’insegnante. Non credere solo a quello che dice, guarda alla sua storia perché… Sai che avevo tre principali bravi insegnanti e ognuno di loro ha avuto una lunga lunga storia di apprendimento da altri bravi insegnanti e ciascuno di loro è stato sostenuto nel loro insegnamento dai loro insegnanti. Quando trovi qualcuno che è andato via dal suo insegnante o è stato rifiutato dall’insegnante o ha rifiutato il proprio insegnante è come una tradizione spezzata, devi stare molto attento. Qualcuno che non ha davvero avuto un insegnante, ha semplicemente letto molto di libri e ha inventato un sistema, ci ha messo il proprio nome per farci un po’ di soldi, puoi lasciarli perdere.

Esamina la storia dell’insegnante per vedere se insegna liberamente, per vedere se insegna onestamente e assicurati che abbia una lunga tradizione di apprendimento con precedenti buoni insegnanti che hanno una lunga tradizione di apprendimento con precedenti buoni insegnanti. Perché ciò che è necessario per un vero insegnamento è che ci sia una forza interiore che scenda attraverso queste catene di insegnanti. Se l’insegnante non è un destinatario di quel tipo di forza, sarà solo un’esterno dal… questo grande cervello di scimmia che le persone hanno. Sai che abbiamo circa tre volte il numero di cellule cerebrali di uno scimpanzé. Come cervello puoi essere piuttosto intelligente ma non funzionerà mai per il mondo interno.

Indaga e quando inizi a considerare gli insegnanti indaga il loro background. Se l’insegnante afferma di essere come il messia o il più grande del mondo o se vai da loro ti salveranno e se non lo fai sei perso e tutte queste cose complesse, se l’insegnante indossa vestiti troppi luccicanti e cappelli troppi grandi, si siede troppo in alto, ti chiede di chiamarlo con nomi fantasiosi allora dovresti pensarci due volte perché i migliori insegnanti che incontrato erano persone molto molto umili, molto normali, dentro erano di livello molto alto e fuori non si poteva vedere. Le persone che apparivano molto grandi all’esterno, dentro erano molto piccole.

M. È un’altra cosa che apprezzo di questo sistema che, sembri normale…

P. Seminormale [risate]

M. Lo sappiamo in modo diverso [parole non comprensibili] Le persone in questo sistema non sono eccessivamente niente: non sono troppo strane, non sono troppo “woo-woo”. Queste è un adorabile, normale … è una comunità davvero meravigliosa. E penso che sia così che puoi anche giudicare un ottimo sistema e un buon insegnante: è dagli studenti e hai studenti da decenni…

P. Hai perfettamente ragione, avrei dovuto aggiungerlo, guarda gli studenti qui, guarda le persone che sono lì da molto tempo e guarda cosa sta succedendo.

M. Sei felice e questa cosa [ndt: non sicuro della parola] ti importa?

P. Fammi pensare… Quando la parte interiore di te diventa più forte – cosa che deve accadere se ti alleni in modo ragionevole per molto tempo – semplicemente succede, c’è una crescita interiore nell’evoluzione.

Allora quando stai seguendo quella parte interiore c’è un tipo di appagamento e una pace e una soddisfazione e quando non la stai seguendo ovviamente ci sarà un tipo di malcontento, un leggero [ndt: parole non comprensibili] che non è… disagio dentro te stesso e una tensione dentro di te e così via.

Quando sto seguendo quella parte interiore allora posso dire di sì, sono molto tranquillo e se scivolo, se commetto degli errori, se non tengo tutto insieme perfettamente allora in quel momento, potremmo dire, non sono contento di me stesso. Ma è più giusto dire che solo perdi quella profonda pace interiore che in qualche modo se ne va un po’ e ti rendi conto che devi aggiustare un po’ il percorso in sintonia con qualcosa che va di nuovo più in profondità.

M. Quei momenti accadono sempre meno per te?

P. L’ascolto oscilla verso il lato. Quando sei più giovane a volte fai le cose e poi ti rendi conto che non sono giuste in questi termini. È più come solo una leggera oscillazione, tutto questo sarebbe potuto essere stato fatto leggermente meglio piuttosto che selvaggiamente di lato. È un piccolo vagare a lato del sentiero piuttosto che vagare fuori dal sentiero avvicinandosi al confine del sentiero con pericolo di allontanarsi e tornare indietro.

M. Grazie mille per aver guardato questa serie di interviste, sono Mia Park, è stato un onore intervistare Patrick Kelly il mio insegnante di Taiji. Vi consiglio di seguire e leggere su Patrick Kelly: c’è il sito nineclouds.ch e patrickkellytaichi. com e queste informazioni saranno nei link forniti. Grazie mille a tutti per aver guardato, grazie Patrick.

P. “Ciao”

M. “Ciao”